Privacy Policy

lunedì 5 dicembre 2016

{DIARIO} Primo gradino




Arriva, prima o dopo,
quel momento in cui realizzi 
che le cose non vanno come le avevi programmate. 
Che la vita ha deciso che sul tuo cammino 
succeda qualcosa di non scritto, inaspettato. 
Ti prende e ti travolge, ti lascia a terra. 
Ti scuoti la polvere di dosso, 
ti risistemi l'abito e ti rialzi. 
Poi di nuovo ti travolge. 
E ti rialzi. 
E poi ancora. 
E ancora.

E stavolta non riesci a prendere quello slancio 
per rimetterti in piedi con la stessa facilità 
con cui lo avevi fatto le volte precedenti. 
Stai seduta per un po' a guardare l'orizzonte, 
scrutando l'aria in cerca di una qualsiasi cosa, 
un segno a cui "aggrapparti", 
che ti dia quella spinta che ti ha fatto alzare 
di getto le volte precedenti. 
Non la vedi. 
Eppure tutti ti dicono che è proprio lì davanti a te, 
ma tu non la vedi. 
Ti sforzi davvero, ma sei cieca. 
Sei stanca. 

"Un attimo... fammi stare seduta qui ancora qualche istante..."
Guardi il vuoto, fissa. 
Non vedi niente, per quanto provi a farlo. 
Senti una mano che ti accarezza, il suo calore, il suo amore. 
Ma vuoi stare ancora seduta, sì, ancora un po'... 
"Voglio provare ancora un po' a vedere... è lì, 
lo sento... voglio solo vederlo per un attimo!"
L'aria gelida intorno diventa sempre più calda. 
Eccolo quel piccolo raggio di sole! 
Il suo tepore ti rilassa i muscoli tesi, 
dopo il tanto stare seduta. 
Ti sgranchisci le gambe, 
respiri profondamente e alzi la testa. 
La rugiada che ancora vola nell'aria ti bagna il viso rinfrescandolo. 
Respiri profondamente. 
È il momento di alzarsi.

Ti rimetti a posto il vestito, 
ti dai una scrollata, come avevi fatto le altre volte. 
Quella mano è ancora lì che ti accarezza dolcemente. 
Ha aspettato in silenzio, semplicemente accarezzandoti. 
Ora prende la tua con una stretta sicura e ti aiuta ad alzarti, 
ti indica l'orizzonte e ti sussurra di guardare l'obbiettivo 
e non la strada che si deve percorrere, 
per quanto acciaccata sia. 
"...io non vado da nessuna parte, sarò sarò sempre accanto a te
ti dice alla fine. 

Tu hai paura, tanta. 
Ma continui a ripeterti che una volta arrivati 
tutto questo sarà solo un ricordo lontano, 
che la felicità è lì che vi aspetta 
e bisogna solo trovare il coraggio di fare il primo passo.





Il mio Natale arriva oggi, con una telefonata.
Non ho riconosciuto il numero, ne la voce al di là.
Ormai non mi aspettavo più quella chiamata.
Ci dovevano convocare a novembre, ma niente.
Ormai ci eravamo rassegnati a iniziare con il nuovo anno,
e invece:
"venga che cominciamo".

È solo l'inizio, lo so, 
ma dopo la scalata emotiva degli ultimi mesi
con i dubbi, le paure, e la difficile decisone di continuare,
perche non si può vivere nel rimpianto,
perché insieme si supera tutto,
perché è giusto che sia così...
oggi per me è gioia.

E' la mia piccola conquista.
Ora so cosa devo fare.
So di dover essere forte e positiva.
So di avere accanto la mia roccia,
e la famiglia, e gli Amici, 
e tutti coloro che ci hanno scritto,
o che hanno avuto un pensiero per noi,
e che tifano per noi!
Oggi so di aver fatto il mio primo gradino verso la felicità.



Qualche giorno fa mi sono imbattuta in questa frase, 
e me la ero appuntata. 
Oggi più che mai mi sembra azzeccata, me la ripeto come un mantra.

"Può essere un percorso arduo, atroce ed estenuante. 
Ma può aprire la porta ad una nuova vita
(da HuffPost Italia)

20 commenti:

  1. Con i lucciconi di emozione agli occhi ti, anzi VI mando il mio abbraccio più grande!!!
    Una preghierina questa sera è per voi...
    Con affetto, Susanna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Susanna! Che dolce che sei!
      Grazie davvero! ❤️

      Elimina
  2. Sei riuscita perfettamente a descrivere le emozioni, le angosce e la stanchezza che ti attraversa, quei gradini ti sembrano sempre più ardui, più alti, ma poi quando ti trovi lì davanti,ad un passo dai quei gradini, ti arriverà tutta la forza di cui avrai bisogno per raggiungere il tuo sogno. Siete speciali e sono felice di avervi conosciuto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ali tu riesci a commuovermi e capirmi forse più di chiunque altro! ❤️ Siamo vicine e so che il 2017 sarà il nostro anno!
      Vi mando un abbraccio grande e vi voglio bene! ❤️❤️❤️

      Elimina
  3. Risposte
    1. ❤️ Voi! ❤️ Io vi adoro e lo sapete!

      Elimina
  4. Hai ragione,anche chi non vi conosce davvero tifa per voi. Vi auguro davvero che questo sia solo l'inizio di tanta felicità. In bocca al lupo ❤�� un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Ti seguo silenziosa, non commento mai e a Bologna vi ho visti bellissimi e innamorati .... leggere questa mattina di questo primo passo verso la felicità mi ha fatto commuovere e riempito di gioia per voi ❤️️ Vi auguro ogni meraviglia ❤️️ Con affetto Giorgia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giorgia che dolce che sei! Ti ringrazio e ti abbraccio forte! ❤️️

      Elimina
  6. Ciao Marty, incontrarti a Bologna è stato davvero bellissimo e il mio "in bocca al lupo" per questo percorso è stato sincero e pieno di affetto.
    Leggere queste tue ultime parole mi ha riempito di gioia e vi sono vicina più che mai.
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giulia è stato un vero piacere anche per me! ❤️ Ti ringrazio davvero tanto! Spero ci siano altre occasioni per incontrarci! 😘

      Elimina
  7. Un passo per volta arriverete a stringere la vostra felicità!!! Anche solo conoscendovi virtualmente non si può non tifare per voi, con tutto il cuore!!!
    Ti abbraccio forte!
    Babi

    RispondiElimina
  8. Non so bene ma intuisco, forse perché nelle tue parole leggo anche tanto di mio... felice per voi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro tu! Spero tanto che la felicità arrivi (presto) per tutte noi!
      Ti mando un immenso abbraccio! ❤️

      Elimina
  9. cara marty forza e coraggio...ti mando un abbraccio pieno di affetto sincero..
    stefy

    RispondiElimina
  10. E ti domanderai chi sono...solo un viso che hai incontrato.. ma leggendo le tue frasi..il tuo diario. .. sì. .sarà un viaggio estenuante..e voglio illudermi che quella professoressa C. sia la stessa che ha accompagnato le mie speranze e i miei sogni,i miei pianti,le punture,i ricoveri,ecografie ... e che mi ha regalato la gioia più pura e assoluta,anzi due ..vai avanti bellezza,credici. .dritta per la via del Sole..della felicità. .. ti sono vicina nel cuore.
    Ilaria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ilaria, sono convinta che sia proprio la stessa e non sai quanta speranza tu sia riuscita a donarmi con queste poche righe!
      Grazie davvero... tanto! Un abbraccio forte 😘❤️❤️❤️

      Elimina